Trasformazione

L’empatia non è una punizione. Come affrontare ciò che sembra distruggere te e la tua vita

Nessun movimento cosciente in avanti è possibile senza rendersi conto dell’imperfezione dello stadio in cui ci si trova e senza comprenderne l’imperfezione.

Questo è il primo articolo di una serie di articoli sull’empatia.

Parte 1 – [Sei qui] L’empatia non è una punizione. Come affrontare ciò che sembra distruggere te e la tua vita
Parte 2 – Come invertire la polarità di un’elevata sensibilità emotiva
Parte 3 – Con empatia a tu per tu. Le insidie ​​e i doni dell’empatia
Parte 4 – Come vivere con l’empatia. Suggerimenti da una persona altamente sensibile

L’uomo è un essere sociale e tutta la sua vita si basa sull’interazione con gli altri. Ma le persone si manifestano in comunicazione tra loro in modi diversi.

Ad esempio, ci sono persone sensibili. Sono in grado di catturare facilmente l’umore degli altri ed entrare in empatia con loro, sentire e trasmettere attraverso se stessi gli stati dei propri cari.

Le persone con questa capacità sono chiamate empatici.

L’empatia è la capacità di provare le emozioni degli altri, la capacità di mettersi nei panni di un’altra persona e comprendere i suoi sentimenti e pensieri.

L’ipersensibilità può essere sia una punizione che un regalo per una persona. Mostrare empatia non è né una buona né una cattiva qualità, tutto dipende da come usi questa capacità.

In questo articolo parleremo di come adattarsi alla vita per le persone altamente sensibili.

Perché l’empatia è dannosa?

Sembrerebbe che un’abilità così unica come una forte sensibilità data a una persona dalla nascita per natura, beh, cosa può essere spiacevole in questa capacità?

In effetti, la manifestazione dell’empatia può portare molti disagi e persino distruggere una persona dall’interno, se non sa come usare questo dono.

Diamo un’occhiata a come si manifesta.

-Percepire i problemi degli altri come tuoi

Gli empatici sono in grado di comprendere e sentire chi li circonda come se stessi. Gli empatici sono particolarmente sensibili alla percezione degli stati negativi. A causa di questa sensibilità, spesso cadono in uno stato d’animo basso.

L’inclusione nella negatività degli altri e nei problemi degli altri cambia lo stato emotivo e richiede energia, il che porta alla stanchezza.

-Suscettibilità alla psicosomatica

Gli empatici sono emotivamente coinvolti e hanno difficoltà a distinguere le proprie emozioni da quelle degli altri. Pertanto, catturando gli stati degli altri e identificandoli come propri, l’empatico spesso sperimenta stress e ansia.

Per questo motivo, è una persona ipersensibile è più suscettibile alle malattie psicosomatiche.

-Rinnegare se stessi a beneficio di altri

Gli empatici non possono permettere a una persona di soffrire, quindi cercano sempre di risolvere i problemi degli altri, dimenticandosi completamente di se stessi e dei loro bisogni.

Negando a se stessi qualcosa, gli empatici credono di agire a beneficio degli altri. Ma in realtà, spesso rendono alle persone un disservizio che farà più male che bene.

Se dai a una persona una stampella, allora non avrà fretta di imparare a camminare da solo, il supporto fornito è abbastanza comodo.

Di conseguenza, infrangendo se stessi e guidati dalle intenzioni più nobili, gli empatici possono fornire un aiuto inappropriato anche ai propri cari.

-Senso di colpa e dovere

Gli empatici possono sentirsi artificialmente in colpa per il fatto che una persona amatasi trova in uno stato d’animo basso, nel momento in cui accade qualcosa di piacevole nella loro vita. O incolpano se stessi per il fatto che non è nella loro capacità di aiutare il prossimo.

Le persone sensibili sentono il bisogno di aiutare gli altri, ma questo è piuttosto un peso per loro, dal momento che non possono aiutare tutti.

Sul desiderio dell’empatico di aiutare, sul suo stato di partecipazione, responsabilità e dovere, le persone che lo circondano facilmente lo manipolano, anche se spesso loro stessi non se ne rendono conto.

Come risolvere il problema dell’ipersensibilità

1. Non trascurare te stesso

Non portare su di te il peso del mondo intero. Non rinunciare al tuo benessere a beneficio degli altri. Prendendo parte alla risoluzione dei problemi dei propri cari, impara a farlo senza farti del male.

Ricorda che puoi aiutare gli altri solo se sei in uno stato pieno di risorse. Stabilisci le priorità correttamente e ricorda di prenderti cura di te stesso prima: sei la cosa più preziosa che hai.

2. Impara a focalizzare la tua attenzione su te stesso

Gli empatici hanno poco controllo sulle proprie emozioni, è difficile per loro identificare i propri sentimenti da quelli delle altre persone. Devi imparare ad astrarre e distinguere le tue emozioni da quelle degli altri, a comprendere ed essere consapevole dei tuoi desideri personali.

Ad esempio, quando entri in un negozio, rivolgi lo sguardo verso l’interno, senti ciò di cui il tuo corpo ha bisogno in questo momento. Senti quali cibi rispondono al tuo corpo, quali saranno utili in un dato momento.

Più spesso ti concentri su te stesso, più facile sarà per te realizzare dove sono i tuoi sentimenti ed emozioni e dove sono gli altri.

3. Non chiuderti

La lettura costante degli stati degli altri porta una persona a un aumento dello stress emotivo. Di conseguenza, l’empatico potrebbe voler limitare il più possibile la comunicazione.

Non sarai in grado di staccarti completamente dalla società, ma è probabile che a un certo punto la parziale lontananza sarà un passo necessario. Mentre impari a concentrarti su te stesso e a distinguere le tue emozioni, mentre impari a non lasciarti trascinare negli stati degli altri.

E ricorda, se una persona è chiusa, non può usare il suo dono. In tal modo, si chiude all’opportunità di sviluppare abilità naturali e l’opportunità di imparare a padroneggiare il suo dono.

4. Stabilisci dei limiti personali

La comunicazione è il principale tipo di interazione tra le persone. Pertanto, interrompere e negare la comunicazione a te stesso non è sempre una decisione ragionevole. Inoltre, se sei una persona socievole per natura, mantenere le distanze dalle persone intorno a te non sarà una decisione piacevole per te.

In questa situazione, puoi aiutare a risolvere questo problema essendo in grado di sentire i confini personali e la capacità di impostarli in modo efficace.

5. Non immergerti nei problemi degli altri

Non immergerti profondamente negli stati delle altre persone, impara a controllare e gestire la tua sensibilità. Devi renderti conto che non ha senso soffrire con gli altri. La sofferenza non risolve in alcun modo la situazione.

E ancora di più, non affrettarti a fornire assistenza e risolvere i problemi degli altri per gli altri, se il problema non ti riguarda personalmente.

Molto spesso, la persona stessa non vuole risolvere i suoi problemi. Gli piace lamentarsi, dispiacersi per se stesso e cercare i colpevoli, gli piace gettare responsabilità sugli altri.

Ricorda, nessuno può risolvere tutti i problemi del mondo. E il tuo desiderio di impantanarti nel problema di qualcun altro ti toglie energia e priva di forza il partecipante della situazione.

6. Non cadere nella manipolazione

Gli empatici sono per natura persone generose, disinteressate, credulone, compassionevoli e benevoli. E questi puri impulsi dell’anima sono spesso usati da altri, soprattutto consumatori, persone che non hanno il senso delle proporzioni e della gratitudine.

Non lasciarti ingannare dalla manipolazione e non giocare ai giochi degli altri. Altrimenti, perdi qualcosa nella tua vita, e questo qualcosa potrebbe benissimo essere importante per te.

Nel mio prossimo articolo, ti mostrerò come invertire la polarità dell’empatia.

Scrivi nei commenti se hai questa straordinaria qualità di sentire le energie e le persone. L’empatia è un dono o un peso per te?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.